Raccontini Brasiliani /3: La volta in cui mi sono sentito brasiliano

Il programma era semplice: ultima mattinata in spiaggia, doccia veloce, lasciare la camera e via da praia da pipa, bella e finta, verso posti più a sud, speriamo più incontaminati. Per risparmiare tempo vado alla spiaggia più vicina, una lunga distesa di sabbia fine con cavalloni impetuosi, perfetti per fare surf. Meno per fare il bagno, ma con solo due ore bisogna ottimizzare. La parte razionale del mio cervello macina orari, calcola traiettorie ideali e elimina tempi morti. Tutto preso in queste attività, non registro il nome della spiaggia, che sarebbe inesorabilmente diventato segno: praia do amor. Ci si accede dalla cima di una scogliera sabbiosa; di solito, per scendere, i proprietari dei chioschi installano scalinate più o meno pericolanti, ma qui un sentiero sfrutta il naturale degradare della costa, infilandosi in un ampio canalone. Proprio all’imbocco del sentiero è apparsa. Ha un copricostume bianco, i capelli neri, lunghi e mossi, scompigliati dal vento, gli occhi scuri, e sorride. La vedo solo di tre quarti, mi sta davanti e scende con agilità. Ha i piedi nudi ma sembra volare sui gradini, quasi senza toccare il suolo, eppure non è esile. Dopo aver superato due turiste che scendono contratte e impaurite, le ringrazia aggiungendo qualche parola di incoraggiamento. Le tengo dietro, a fatica, nonostante io abbia le scarpe. Arriviamo in fondo, ci incamminiamo. Io ho poco tempo, non voglio allontanarmi, la spiaggia è lunghissima e deserta. Lei si toglie il copricostume. Ha un bikini colorato, ma non di quelli sfrontati che in Brasile indossano anche le signore di mezza età, il sedere tondo, sicuro indicatore di chi apprezza la tavola è ben coperto, un filo di pancetta trema al ritmo dei passi svelti. Le sono a fianco, a qualche metro di distanza, il vento sferzante copre ogni rumore mentre i colori del paesaggio brillano sotto il sole caldo. Ci muoviamo velocemente. La mia attenzione è completamente assorbita dalla sua presenza, molto probabilmente lei pensa al mare e al vento. Io accenno una deviazione verso la sabbia asciutta – lei mi può vedere, chissà, forse si fermerà, è così raro vedere una ragazza da sola da queste parti, stenderemo l’asciugamano vicini e inizieremo a chiacchierare con una scusa. Lei tira dritto. Dovrei seguirla? In altri tempi mi sarei buttato sulle sue tracce come un segugio, inseguendo un’esile possibiltà di abbordaggio. Questa volta continuo la mia deviazione, mi sdraio sulla spiaggia, e la vedo diventare sempre più piccola fino confondersi con il paesaggio. Non è stato un rigurgito di razionalità che ha illuminato l’evidente assurdità della situazione a farmi cambiare idea – ciao piacere sei carina probabilmente anche simpatica simpatica io tra due ore devo partire e non ti rivedrò mai più però ci tenevo a fare due parole lo stesso – tutt’altro. Ho voluto che questa possibilità mi sfuggesse tra le dita come la sabbia della spiaggia, per poterci ritornare con il pensiero in futuro. Per poter pensare a tutto quello che non è stato e che non poteva essere, distillare la possibilità di un istante in infiniti momenti di saudade per la praia do amor. In quel momento mi sono sentito un po’ brasiliano anch’io.
   
    
 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s